FANDOM


Principale

Battle Royale
Quinta Stagione, Undicesimo Episodio
Ahs 510 revenge 0324d hires1-jpg
Informazioni Episodio
Data di trasmissione

6 Gennaio, 2016

Scrittori

Ryan Murphy, Brad Falchuk

Direttori

Ryan Murphy

Guida Episodio
← Precedente
She Gets Revenge
Successivo →
Be Our Guest

Battle Royale è l'undicesimo episodio della quinta stagione di American Horror Story. La prima diretta TV americana dell'episodio è avvenuta il 6 Gennaio 2016 sui canali Fox.




TramaModifica

Un flashback mostra i preparativi all’assalto di Liz e Iris alla Contessa. Una volta entrati nell’attico della loro nemica, Donovan le si butta addosso per farle da scudo umano, rimanendo ferito mortalmente ma permettendo ad Elizabeth di scappare. Donovan capisce di non avere ancora molto tempo e implora Liz e Iris di non farlo morire dentro al Cortez, o lo aspetta un’eternità da scontare assieme a tutti gli amenti della Contessa. Le due socie riescono a portarlo sul ciglio della strada poco fuori al Cortez e Donovan, accertatosi di essere al sicuro, ringrazia Iris, chiamandola “Mamma”. In seguito, Iris riceve le ceneri di Donovan in un barattolo di latta, un gesto di amicizia che Liz Taylor ha voluto fare all’amica, poichè le piangeva il cuore a buttarlo giù per lo scivolo, com'era costretta a fare in passato con tutti gli altri cadaveri dell'albergo. Durante una scena molto toccante, Iris parla alle ceneri del figlio, versandone un po’ a fianco a lei nel letto. La donna ammette che Dono, come lo chiamava, era proprio uguale a lei, e che il suo caratteraccio li accomunava. Forse era proprio per questo che non erano mai stati in grado di essere vicini, perché erano troppo uguali. Più tardi Mrs Evers viene convocata nella stanza di Iris, che è completamente ricoperta delle ceneri del figlio. La domestica riceve disposizioni di raccogliere le ceneri di Donovan con l’aspirapolvere, mentre Iris si reca sul tetto del Cortez. Il sole sta' sorgendo su Los Angeles, e Iris lascia che le ceneri di cui è cosparsa si perdano nel vento e nel calore della luce del sole.

Intanto la Contessa si risveglia tra le grinfie di Sally, la quale esegue una sadica operazione di rimozione dei proiettili con le sue stesse dita per salvare la donna. Sally non può lasciare che la donna muoia perchè ha bisogno di lei, non ha intenzione di essere abbandonata anche stavolta. Il dramma di Sally è che soffre del trauma dell’abbandono, come le diagnostica prontamente la Contessa in preda ai deliri della ‘ricucitura’ di Sally. Un flashback mostra il motivo del soprannome “Ipodermica”. Ci troviamo a Los Angeles nel 1993, e Sally è una spacciatrice di eroina per il potente narcotrafficante Juan Moacanda. Per lei è molto importante essere presa seriamente come cantautrice, e sente di aver finalmente trovato chi riconosce e apprezza il suo talento: i musicisti grunge Nick Harley e Tina Black. Dopo una sessione di registrazione i tre finiscono al Cortez per una notte di sesso ed eroina, e Sally in preda alle droghe decide di cucire i loro tre corpi insieme, così non l’avrebbero mai potuta abbandonare. Nick e Tina muoiono di overdose di lì a poco, e Sally rimane cucita a loro due per cinque giorni; dal secondo giorno il Demone della Dipendenza inizia a farle visita e a torturarla. Sally decise di continuare a frequentare il Cortez perchè è stato l’unico posto dove la donna si sia sentita davvero felice, e l’hotel è quindi diventato il suo posto – e ora, grazie all’aiuto della Contessa, farà in modo che al suo fianco ci sarà sempre John.

Elizabeth ha perso molto sangue, e serve che si sfami con il sangue di “uno come lei”, un Afflitto. Con Donovan morto, Sally le rivela che l’unica alternativa è che beva il sangue dei suoi unici figli rimasti, poichè Holden è scappato mentre Wren è morta. La Contessa se li ritrova davanti e dice che preferisce morire piuttosto che fare del male ai suoi figli, ma i due bambini la abbracciano e le dicono “lascia che ti aiutiamo, mamma”. Da questo sacrificio Elizabeth riesce a guarire, ma profondamente distrutta interiormente. Nonostante questo, provvede a mantenere la parola data a Sally, riportando John al Cortez.

La famiglia Lowe si riunisce e torna a casa al completo: Alex, John, Holden e Scarlett. È proprio lei a far notare ai suoi genitori che bere sangue umano per il proprio sostentamento non è una ‘medicina’, come Alex e John le hanno detto, cercando di normalizzare la situazione. John si occuperà di provvedere ai bisogni di Alex e di Holden, e il ritorno a casa di Holden sarà il loro segreto, “non serve che lo sappia la nonna”, dicono alla ragazzina.

Iris e Liz decidono di andare a liberare Ramona per scatenarla contro la Contessa, e ucciderla una volta per tutte. Camminando nel corridoio segreto che una volta aveva ospitato Rodolfo Valentino e Natacha Rambova, Iris e Liz vedono i segni della strage che la nuova prigioniera del Cortez ha messo in atto: il povero Will Drake e tutti gli bambini col morbillo. Solo in questo modo realizzano che forse liberarla non è stata una grande idea. Ramona non è molto contenta di vedere Iris, la donna che l’aveva rinchiusa nel corridoio, ma alla fine la convincono ad aiutarle ad uccidere Elizabeth una volta rimessa in forza: le serve un sacrificio umano, e la vittima che potrebbe fare al caso loro le sta attendendo nella lobby. La tostissima strega del voodoo Queenie è nell’atrio del Cortez e sta aspettando di fare check-in. Liz la riconosce immediatamente come una di quelle streghe della televisione, avendola già vista sulla CNN. Queenie spiega di essere a Los Angeles per partecipare a "OK! Il Prezzo È Giusto". La sua Suprema ha fatto un incantesimo al suo biglietto, rendendolo quello fortunato. Quando Iris e Liz la portano alla sua stanza, Queenie percepisce che c’è qualcosa che non va, e si rifiuta di pernottare lì, ma le insistenze delle due receptionist la persuadono. Da dietro alla tenda della doccia emerge Ramona, decisa più che mai a bere il sangue della strega. Queenie non ha intenzione di essere lo spuntino di Ramona, e al grido di “sono una bambola voodoo umana, cretina!” inizia ad avere la meglio su di lei in un epico scontro tra titane.

Proprio quando Queenie sta per sconfiggere Ramona, Mr March appare e la pugnala mortalmente col suo bastone, del resto essendo un fantasma i suoi poteri da strega non hanno alcun effetto su di lui. Mr March spiega a Ramona di avere bisogno di lei per mettere in atto il suo piano diabolico – uccidere la Contessa e intrappolare il suo fantasma al Cortez, così da averla con sé per l’eternità. Elizabeth non può sospettare che ci sia Mr March dietro a questo piano, e Ramona è l’unica sufficientemente forte da poterla sconfiggere. Ramona, che sta ritornando in forze grazie al sangue di strega della povera Queenie, acconsente.

John rientra a casa dopo aver “cacciato per la sua famiglia” e non trova ne' Alex, ne' Holden ne' Scarlett. Una chiave del Cortez è legata con un fiocco alla lampada della scala, e John capisce che è lì che si trova la sua famiglia. La chiave conduce alla sua stanza, e ad aspettarlo trova Sally. Il fantasma della donna lo assicura che la sua famiglia sta bene, o almeno “per ora”. Infatti dovrà completare l’opera del Killer dei Dieci Comandamenti, ovvero il piano diabolico di Mr March, se vorrà rivederli. All’appello manca un solo comandamento, “non uccidere: chi avrà commesso omicidio sarà sottoposto a giudizio”. Sally è protetta dalle persecuzioni del Demone della Dipendenza soltanto grazie all’intercessione di Mr March, e quindi il suo ruolo nell’avere adescato John di nuovo al Cortez non è semplicemente legato alle sue pulsioni e alla sua solitudine, anche Sally è una pedina dell’hotel.

Elizabeth a conoscenza del piano di vendetta di Ramona, aspetta la donna nel suo attico, e la sua ex amante si presenta puntualmente. Le due si scambiano dolci parole che lasciano trasparire il legame profondo che le ha unite. Ma le smancerie durano poco perchè Ramona ha in corpo il sangue di una strega, ed è pronta ad uccidere la Contessa. Elizabeth ne è consapevole, ma la avverte che anche se si sta rimettendo può sconfiggerla: la verità, ammette la Contessa in un momento di rara vulnerabilità che si concede con Ramona, è che le persone al mondo si considerano benedette o maledette, e lei non è nessuna delle due, Elizabeth è LA maledizione per eccellenza, perché nessuno che le si avvicini sopravvive. La Contessa sogna un futuro lontano dal Cortez, dove si era arroccata perché si sentiva protetta e al sicuro nel dolore che trasuda dalle sue mura, ma adesso vuole fuggire e ricominciare una nuova vita assieme a suo figlio Bartholomew. Ramona ammette che è difficile ucciderla quando se la trova di fronte, e le due cedono alla loro passione. Successivamente Elizabeth ha fatto le valigie ed è pronta a partire, ma quando le porte dell’ascensore si aprono viene colpita mortalmente dai proiettili della pistola di John Lowe, che ha scelto lei come vittima per completare l’opera del Killer dei Dieci Comandamenti. L'ultima cosa che John le dice mentre la uccida, prima che Elazabeth muoia, è: "Tu non sei in grado di commettere un omicidio", e porta la testa di Elisabeth come un trofeo a James March. Mr March è entusiasta del suo nuovo trofeo, e si complimenta con John per aver designato la Contessa come tassello mancante del suo piano diabolico. Sally raggiunge i due nella sala dei cimeli di March, e nasconde un coltello nella manica – vuole uccidere John per poterlo avere tutto per sé, ma James Patrick March sventa il suo tentativo, dicendole che John gli serve vivo, che ha grandi progetti. John però si allontana da entrambi, ha chiuso con gli omicidi, e che vuole essere portato dalla sua famiglia.

James March è in fibrillazione. Seduto alla tavola da pranzo nella sua stanza è in attesa dell’arrivo del fantasma della Contessa, che si unirà a lui per cena non soltanto una volta al mese come pattuito mentre era ancora in vita, ma per il resto dell’eternità. Mrs Evers fatica a nascondere il suo disprezzo per la Contessa, che Mr March chiama ancora “la mia Regina”. Elizabeth suona alla porta. La sua nuova vita da fantasma è strana, dice a March. Non c’è dolore, ma non c’è più fuoco, più passione. Il suo ex marito la rassicura dicendole che è temporaneo e che in breve tempo si abituerà alla sua nuova condizione, d'ora in avanti avranno tutto il tempo del mondo da passare insieme, e suggerisce di partire col piede giusto, perdonando Elizabeth per avere allertato le autorità riguardo alla sua follia omicida. La Contessa gli dice di non essere stata lei ad averlo consegnato alla polizia, e che se avesse voluto vederlo morto lo avrebbe ucciso lei stessa. Mrs Evers però non riesce più a trattenersi e racconta loro la verità: è stata lei ad avvisare le autorità, perché sapeva che prima o poi la Contessa si sarebbe stufata di Mr March, e quello era l’unico modo per poterlo avere per sempre con sé, perché sapeva che lui non si sarebbe mai consegnato vivo. La donna dice che lei è felice di stare non al suo fianco, ma dietro di lui, e che è stata zitta troppo a lungo. Si è umiliata per lui, e lo implora di dire qualcosa e di realizzare la sua felicità. James March le dice che lei è bandita dalla sua presenza, e di andarsene. Mrs Evers accusa il colpo con una grande serenità, togliendosi il grembiule e dicendo di sentirsi stranamente sollevata di non dover più servire lui e la sua “prostituta”. Quando la Contessa la schernisce chiedendole dove andrà adesso, Mrs Evers le rivela che “ci sono molte più macchie in cielo e in terra che in tutta la sua filosofia”, riferendosi alle sfumature di cui è pieno il mondo e di cui la mente calcolatrice di Elizabeth è tristemente priva. Tornato a tavola, Mr March alza il suo calice per brindare: finalmente si è ricongiunto con l’amore della sua vita, la sua “unica opportunità di essere felice” – adesso i due rimarranno insieme per l’eternità. Elizabeth alza il bicchiere e inizia a piangere, rendendosi conto per la prima volta che la morte non è la cosa peggiore per chi si sente in trappola a causa di un amore mai corrisposto.

CastModifica

Cast PrincipaleModifica

Cast RicorrenteModifica

Special Guest CastModifica

Guest CastModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale