FANDOM


Principale

Chapter 5
Sesta Stagione, Quinto Episodio
6x05 edward mott 4
Informazioni Episodio
Data di trasmissione

12 Ottobre, 2016

Scrittori

Ryan Murphy, Brad Falchuk

Direttori

Ryan Murphy

Guida Episodio
← Precedente
Chapter 4
Successivo →
Chapter 6

Edward: Ci giudicano. Posso vederlo nel modo in cui ci guardano. Dovrei liberarmi di tutti loro tranne che di te.
Guinness: Così io dovrei lavorare tutto il giorno invece che fare l'amore con te.
Edward: L'arte non giudica. La invidio. La vita in due dimensioni. Bloccata nell'eterna bellezza. Guardando il mondo che va avanti, privo di pettegolezzi e del dolore degli uomini a tre dimensioni. Li adoro sai? I dipinti. Ancor di più di quanto ami te.
Guinness: Smettila di parlare, e fa l'amore con me.

Chapter 5 è il quinto episodio della sesta stagione di American Horror Story. La prima diretta TV americana dell'episodio è avvenuta il 12 Ottobre 2016 sui canali Fox.


TramaModifica

La rinomata storica e dottoressa Doris Kearns Goodwin è ospite del programma televisivo "My Roanoke Nightmare". Davanti alle telecamere, racconta la storia della casa colonica in cui si sono svolte le vicende dei coniugi Miller. L'abitazione fu costruita nel 1792 da Edward Philippe Mott, al 900 di Sappony Road, un luogo sicuramente colmo di sofferenza. Anche tra i ricchi di quel tempo, Edward Mott era invidiato per la sua enorme ricchezza. Doris si sofferma in particolare sulla storia del signor Mott, un giovane uomo che ad oggi verrebbe definito come "sociopatico", odiava avere gente attorno, così si allontanò il più possibile dalla frenesia di Philadelphia tra i boschi del Nord Carolina sulle rive del fiume Roanoke. Qui fece costruire la propria casa, lontano dalla moglie e dai figli, un luogo in cui avrebbe potuto vivere da solo con le sue amate opere d'arte. Doris spiega che ci furono numerosi incidenti durante la costruzione della casa, storie molte strane. Edward aveva una relazione romantica con uno dei suoi schiavi, Guinness, un giovane e bel ragazzo sempre attento ai bisogni del suo signore. Guinness, talentuoso nell'arte, delizia sempre il suo signore dipingendo per lui dei ritratti. Mentre fanno l'amore nella vasca da bagno, Edward rivela a Guinness di invidiare l'arte, un mondo che perpetua nell'eterna bellezza, privo di pettegolezzi e del dolore degli uomini a tre dimensioni. Nei giorni successivi, secondo quanto raccontato da Doris, le cose iniziarono a diventare strane, entità malefiche cominciarono a perturbare la tranquillità della casa. Una notte infatti, tutti i dipinti e le gallerie d'arte di Edward vennero vandalizzati. Così riunisce tutti i suoi servi nel salone per cercare di scoprire la verità. Poichè nessuno dei presenti confessa di essere il colpevole, Edward li fa rinchiudere tutti in uno scantinato nudi, senza cibo e ne acqua, finchè il colpevole non verrà fuori. La stessa notte, il signor Mott venne rapito dagli spiriti dei coloni di Roanoke e portato al cospetto della vera signora di quelle terre, La Macellaia. La donna consacra con il suo sacrificio la terra, durante una notte di Luna di Sangue, impalandolo e successivamente bruciandolo vivo. Doris spiega in seguito che in mezzo a tutto questo caos, Guinness scappò con uno dei cavalli, e che successivamente il giovane finì in carcere con l'accusa dell'assassinio del suo padrone e di averne nascosto il cadavere. Però, dimenticò di dire a chiunque dei servi chiusi nella camera sotterranea. La casa rimase di proprietà della famiglia Mott per più di un secolo, ma si diceva che la follia scorreva nel sangue della famiglia. La dinastia, spiega Doris, si concluse con uno scandalo quando l'ultimo Mott morì nel sud della Flora nel 1952; da quel momento la casa fu comprata e venduta più volte, ma nessuno vi rimase a lungo.

La Macellaia offre ai Miller la possibilità di consegnarsi spontaneamente in cambio della promessa di una morte misericordiosa, ma Shelby e Matt, decisi a proteggere Flora, si rifiutano di morire nella casa. Seccato, Ambrose grida che la loro morte sarà spietata, in memoria degli antichi dei che li hanno legati a questa terra consacrata. Mentre stanno cercando di abbandonare la casa, Flora viene rapita da una misteriosa ragazza-burattino, dalla pelle candida e i capelli scuri come la pece; mentre Shelby e Matt vengono attaccati da Piggy Man. Flora, Shelby e Matt riescono a rifugiarsi negli scantinati della casa, dove incontrano lo spirito di Edward Mott, il primo proprietario della casa. L'uomo, che vuole vendicarsi della Macellaia per averlo ucciso, fa fuggire i Miller attraverso la foresta, dando loro la possibilità di fuggire, ma allo stesso tempo abbandonandoli lungo il cammino. Flora riesce a scorgere la luce di una casa, di tratta dell'abitazione dei Polk, ma pochi attimi dopo Shelby e Matt vengono colpiti alle spalle, perdendo i sensi.

All'interno dell'abitazione, su un tavolo, si trova Elias. Dopo essere stato colpito dalle frecce, l'uomo venne soccorso dai Polk, che salvarono la sua vita grazie alle magie di "Mama Polk". Nonostante questo però Elias si ritrova in pietose condizioni, l'arto superiore sinistro e quelle inferiore destro gli sono stati entrambi amputati e, agonizzante, continua a sanguinare. Bloccato in un pietoso stato tra la vita e la morte, Elias implora Matt di ucciderlo per mettere fine alle sue sofferenze. In stanza entra anche Mama Polk, che ha preparato della carne secca dall'affumicatoio per offrirla ai suoi nuovi ospiti. Ciascuno di loro però si rifiuta di mangiarne, offesa, Mama Polk ne assaggia un pezzetto essa stessa per dimostrare loro che non è avvelenata. Dopo qualche secondo però la sputa, è rancida. Si tratta della carne stessa di Elias, che la donna definisce "avariato". Non essendoci quindi nessun motivo per tenerlo in vita, lo uccide spaccandogli il cranio. Dopo di che, Mama, per onorare un patto che i suoi antenati avevano stretto con La Macellaia circa duecento anni fa, rivela a Shelby e Matt che ha intenzione di riportarli dalla donna. Infatti, fintanto che La Macellaia può consacrare il suolo con il sangue fresco, lascerà in pace lei e tutta la famiglia Polk.

Lee intanto si trova ancora in centrale di polizia, costretta a rispondere a domande e accuse riguardo alla morte del mattino Matt. Poichè sta dicendo la verità e i poliziotti non riesco a smontare la sua storia o a cercare di scoprire qualche incongruenza nella sua versione, Lee viene rilasciata. Appena uscita dalla stazione di polizia, Lee guarda il telefono e riceve un messaggio di Matt che la informa che Flora è al sicuro con lui e Shelby.

Sul pickup che sta per portarli a morte certa, Matt riesce a rubare il fucile di uno dei fratelli Polk, sparando al guidatore, riuscendo così ad aprirsi una via di fuga assieme a Shelby e la piccola Flora attraverso la foresta. Lee dopo avere letto il messaggio di Matt, chiama il fratello, ma lui, cercando di non farsi scoprire dal resto della famiglia Polk che li sta inseguendo, rifiuta la chiamata. Lee inizia a preoccuparsi, perchè Matt non le rispondeva? Qualsiasi cosa stesse accadendo, doveva essere brutta. Così Lee si fa accompagnare da un poliziotto fino alla casa. Intanto nei boschi, Shelby, Matt e Flora vengono presi in ostaggio da Mama Polk che, per assicurarsi che le sue prede non le sfuggano più, rompe la caviglia di Shelby, procurandole una ferita profonda. Arrivata alla casa, Mama Polk consegna i Miller alla Macellaia, che lascia andare lei e la sua famiglia illesi. Dopo di che, Thomasin fa legare Shelby e Matt in modo tale che potranno assistere alla morte di Flora, il primo sacrificio della serata. La piccola Priscilla cerca di fermarla e contrariata le urla di fermarsi immediatamente, ma la donna la zittisce. Proprio mentre sta per uccidere Flora però, La Macellaia viene tradita dal proprio figlio Ambrose, che stanco di vedere la madre versare altro sangue innocente, la colpisce. Poi, con la madre sulle spalle, Ambrose concede alle fiamme i loro corpi. Flora è salva e Shelby e Matt riescono a liberarsi, ma Piggy Man afferrando la mannaia della Macellaia, punta contro di loro l'arma. Sta per ucciderli, ma l'arrivo di Lee ribalta completamente la situazione. La donna lo investe con la macchina, dopo di che assieme a tutta la famiglia, fugge via, lontano dalla casa.

Al termine del reality Show "My Roanoke Nightmare", la vera Shelby rivela alle telecamere che riuscirono a fuggire salvandosi la vita quella notte, ma nessuno di loro riuscì mai completamente a superare ciò che avevano passato durante quei mesi d'inferno. Shelby non è nemmeno sicura che ci riuscirà mai.

CastModifica

Cast PrincipaleModifica

Cast RicorrenteModifica

Special Guest CastModifica

Guest CastModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale